American Psychiatric annual meeting
EPA 2017
WPA XVII World cogress psychiatry berlin 2017

Rischio cardiovascolare nei pazienti con disturbo bipolare


Ci sono pochi dati riguardo al rischio cardiovascolare in termini di malattia coronarica e al rischio di mortalità cardiovascolare nei pazienti con disturbo bipolare.

Ricercatori dell’Università di Oviedo in Spagna hanno valutato il rischio generale di malattia coronarica fatale e non-fatale e di mortalità a 10 anni nei pazienti affetti da disturbo bipolare.

L’età mediana dei pazienti era di 46.6 anni ed il 49% erano maschi.
Il 46% dei pazienti era in remissione.

Il rischio di coronaropatia a 10 anni è stato pari al 7.6% ( 10.2% per i maschi versus 4.7% per le femmine; p=0.001 ) ed il rischio di mortalità cardiovascolare a 10 anni è stato pari a 1.8% ( 2.2% per i maschi e 1.3% per le femmine; p=0.161 ).

Il 51% dei pazienti fumava ed il 34% era obeso.

La sindrome metabolica era presente nel 22.4% del campione ( 35.6% secondo i criteri AHA e NHLBI ).

Il rischio cardiovascolare è significativamente aumentato con l’età, l’indice di massa corporea ( BMI ) e la presenza di sindrome metabolica.

In conclusione, il rischio cardiovascolare è risultato alto nei pazienti con disturbo bipolare. E’ associato all’età, all’indice BMI e alla sindrome metabolica. ( Xagena2008 )

Garcia-Portilla MP et al J Affect Dis 2008; Epub ahead of print


Psyche2008 Cardio2008


Indietro